Il bosco di nessuno di noi

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Il bosco di nessuno di voi non è propriamente un luogo ma un’altra parte che ciascuno può interpretare e sentire come crede. Il libro – inconcluso per definizione perché il girotondo degli animali che lo popolano è infinito – racconta di un incanto senza tempo dove lo spirito di osservazione sulla natura si mescola, nell’autore e nel lettore, con la voglia e la determinazione di dimenticare la civiltà, di buttar via l’orologio e di qui, in definitiva, tutto il resto. Un gatto che gira randagio per il bosco, un pipistrello che si cruccia di non saper cantare, un cuculo che quel problema non ha, un riccio che non vuole esserlo, un’upupa tutta di un pezzo, un frassino che litiga con un faggio e l’immancabile ghiro innamorato. Così le scene del bosco di Federico Pagliai non hanno memoria né coscienza della nostra realtà, ma più entriamo in quelle maglie invisibili più ci diventa insopportabile la vita che siamo costretti o abbiamo scelto di vivere. Il paese Italia, corrotto, indebitato, offeso dal cemento ci pare una mostruosità rispetto a quel mondo antico che ci raccontano le stagioni, le montagne, le piante e la vita nei campi e l’allevamento del bestiame. Pagliai è un uomo che dedica tutta la sua vita alla montagna e ce la riporta con la sua dolcezza e la sua crudeltà. Così il “mondo che gira” male viene sommerso dalle voci degli animali, da miliardi di alberi che respirano e, finalmente, dalla libertà.

Il bosco di nessuno di voi non è propriamente un luogo ma un’altra parte che ciascuno può interpretare e sentire come crede. Il libro – inconcluso per definizione perché il girotondo degli animali che lo popolano è infinito – racconta di un incanto senza tempo dove lo spirito di osservazione sulla natura si mescola, nell’autore e nel lettore, con la voglia e la determinazione di dimenticare la civiltà, di buttar via l’orologio e di qui, in definitiva, tutto il resto. Un gatto che gira randagio per il bosco, un pipistrello che si cruccia di non saper cantare, un cuculo che quel problema non ha, un riccio che non vuole esserlo, un’upupa tutta di un pezzo, un frassino che litiga con un faggio e l’immancabile ghiro innamorato. Così le scene del bosco di Federico Pagliai non hanno memoria né coscienza della nostra realtà, ma più entriamo in quelle maglie invisibili più ci diventa insopportabile la vita che siamo costretti o abbiamo scelto di vivere. Il paese Italia, corrotto, indebitato, offeso dal cemento ci pare una mostruosità rispetto a quel mondo antico che ci raccontano le stagioni, le montagne, le piante e la vita nei campi e l’allevamento del bestiame. Pagliai è un uomo che dedica tutta la sua vita alla montagna e ce la riporta con la sua dolcezza e la sua crudeltà. Così il “mondo che gira” male viene sommerso dalle voci degli animali, da miliardi di alberi che respirano e, finalmente, dalla libertà.

Commenti

Autore


  • Federico Pagliai

    è nato nel 1966 a La Lima, “il paese più in ombra d’Italia”, e vive sulla montagna pistoiese. Questo è il suo quarto libro.


Caratteristiche


    • Marchio: Fabbri Editori
    • Collana: VARIA
    • Prezzo: 15.00 €
    • Pagine: 288
    • Formato libro: 21 x 15
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788845198151
    • ISBN E-book: 9788865970737

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...